UISG News: Dalla scrivania della Segretaria Esecutiva

Dalla scrivania della Segretaria Esecutiva

Ogni mese che passa porta alla UISG nuovi sviluppi e la possibilità di costruire nuove relazioni. Lavoriamo per collaborare, in nome della vita religiosa femminile, con altre organizzazioni e gruppi che lavorano in settori di interesse comune.

Il recente documento pubblicato dalla Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica (CICLSAL) “Per vino nuovo otri nuovi. Dal Concilio Vaticano II la vita consacrata e le sfide ancora aperte” parla della capacità di “andare oltre i modelli che abbiamo ereditato per apprezzare la novità portata dallo Spirito”. La costruzione di reti di solidarietà è sicuramente uno di questi nuovi modi. Come potrete leggere, stiamo lavorando ampiamente in rete nel campo della comunicazione, per trovare modi di spiegare il carisma della vita religiosa alle nuove generazioni. Stiamo lavorando per rafforzare a livello globale la nostra rete Talitha Kum contro la tratta, per rispondere all’appello di Papa Francesco “a contrastare adeguatamente questa piaga aberrante, questa moderna forma di schiavitù”.

Gli Statuti della UISG prevedono che l’Unione che mantenga rapporti di inter-comunicazione e di collaborazione con le Conferenze dei Religiosi, a vari livelli. Pertanto, ogni anno, i membri di varie conferenze vengono a visitare la UISG. Inoltre, la Presidente, la Segretaria Esecutiva e/o un membro del Comitato Direttivo rappresentano l’Unione in varie riunioni di Conferenze di Religiosi, nazionali o continentali, o di Congressi sulla vita religiosa. In questi ultimi mesi l’Unione è stata rappresentata: nel mese di giugno ad una conferenza a Hayes (UK) organizzata dai Clarettiani; nel mese di agosto all’Assemblea annuale della LCWR e presso l’incontro della Costellazione UISG C2-USA; alla fine di agosto/inizio settembre presso l’Assemblea di ACWECA di Dar-Es-Salaam. I temi di questi incontri danno un’indicazione sulle questioni che più destano preoccupazione in diverse parti del mondo.

La Conferenza dei Religiosi dell’Inghilterra e del Galles ha scelto il tema: Se il chicco di grano di grano non muore… Morte o Risurrezione: un’analisi della vita religiosa nel Regno Unito oggi. Uno degli oratori, p. José Cristo Rey Garcia Paredes, CMF, ha parlato dell’Arte di Morire carismaticamente, ricordando che “quando un Istituto o una Comunità finisce i suoi giorni glorificando Dio, perdonando gli altri, offrendo il meglio di sé, allora quell’Istituto o quella Comunità imita Gesù”.

L’Assemblea della LCWR ha avuto come tema: Essere presenza d’amore: il potere della trasformazione. Il dottor Christopher Pramuk, la cui presentazione era intitolata “Appoggiarsi al mistero della fede nella resurrezione”, ha sottolineato “la vulnerabilità nel vivere con questa visione di un futuro non ancora visibile, di amare e condurre gli altri in questi spazi liminali tra vita e morte, tra ciò che è e ciò che è possibile”.

L’Assemblea di ACWECA ha affrontato il tema: Rivitalizzare la nostra solidarietà per una più profonda evangelizzazione, nella realtà complessa di oggi all’interno della nostra Regione. Ci sono molte sfide per i religiosi nell’area dell’Africa Orientale e Centrale, ma c’è allo stesso tempo un crescente senso di solidarietà e di sostegno reciproco tra i leader delle congregazioni. Nel suo discorso ai partecipanti, il cardinale João Braz de Aviz ha condiviso le proprie riflessioni sul contenuto del nuovo documento Per vino nuovo otri nuovi. Le sfide che sono state identificate per la vita religiosa contemporanea includono: l’approfondimento della vocazione e dell’identità della vita consacrata; le nuove scelte per quanto riguarda la formazione; le relazioni umane, in particolare la reciprocità tra donne e uomini; il servizio dell’autorità; i modelli relazionali. Il cardinale Braz ha concluso le sue riflessioni sottolineando che la vita religiosa ha bisogno di passare ad una spiritualità di comunione, vissuta con intensa generosità e convinzione, che includerà tutte le nostre relazioni.

I partecipanti alla riunione del Consiglio dei 16 di novembre rifletteranno insieme sul documento Per vino nuovo otri nuovi e sulle sue implicazioni, in particolare per quanto riguarda il servizio dell’autorità e il tipo di accompagnamento necessari in tutte le fasi della formazione, al fine di sostenere la perseveranza e la fedeltà. L’incontro del Consiglio dei 18 avrà come riflessione un tema simile a questo, chiedendosi: Quali sono i sistemi di supporto – o la mancanza di questi – per i sacerdoti e i religiosi nei territori di missione, al fine di promuovere la perseveranza e la crescita della loro vocazione? Forse una o più delle aree fin qui menzionate richiedono una lettura, una riflessione e una condivisione di esperienze più approfondite da parte dei responsabili delle Congregazioni? Speriamo di riprendere alcuni di questi argomenti nelle edizioni future del Bollettino.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *